Sergio Fumich è nato a Trieste nel 1947. Ha svolto attività pubblicistica dal 1978 al 1995 come collaboratore del quotidiano di Lodi Il Cittadino. È stato direttore responsabile di alcuni fogli locali e della rivista di poesia Keraunia. Ha pubblicato libri di poesia e di racconti, libri di fotografia e grafica, libri ed opuscoli divulgativi.

Identificativo SBN: IT\ICCU\CFIV\106311
ISNI: 0000 0000 3584 7165




    

ARCHIVIO

-- Anno: 2019
:: 2019 - Marzo.
:: 2019 - Febbraio.
:: 2019 - Gennaio.

-- Anno: 2018
:: 2018 - Dicembre.

ARCHIVIO ARTICOLI BLOG

:: VITTIME DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO O DELL'IDIOZIA?

Postato il: 20 03 2019 16:04

:: I PRESUNTI MISTERI DI ARCORE

Postato il: 18 03 2019 10:27

:: SI È SPENTO A 81 ANNI LUCIANO GIUSEPPE VOLINO

Postato il: 10 03 2019 17:57

:: IL GRANO FUTURO

Postato il: 08 03 2019 12:11

:: MAINSTREAM NAZIONALE E LE FOIBE

Postato il: 20 02 2019 17:14

:: MATTARELLA UN'ALTRA VOCE NEL CORO

Postato il: 11 02 2019 22:42

:: ARCHIVIAMO COSÌ SANREMO

Postato il: 11 02 2019 11:09

:: SE L'ONESTÀ INTELLETTUALE DIVENTA UN OPTIONAL

Postato il: 09 02 2019 23:10

:: LA FORESTA ORRIPILANTE DEI SOCIAL

Postato il: 11 02 2019 10:37

:: VIETARE L'OPPIO DEL POPOLO AI MINORI

Postato il: 08 02 2019 18:22

:: LUNGA VITA AL POPOLO BUE

Postato il: 18 12 2018 00:03

:: LO SDOGANAMENTO SOCIALE DELL'IDIOZIA

Postato il: 18 12 2018 00:02

:: PULPITI CON FACCE DI BRONZO

Postato il: 17 12 2018 23:58

:: I QUATTRO CAVALIERI DELL'APOCALISSE

Postato il: 19 09 2018 19:36

:: CHI TRADUCE PER TE ONLINE?

Postato il: 17 12 2018 23:43

:: COPYRIGHT E CIALTRONERIA DELLE MAJORS

Postato il: 17 12 2018 23:40

:: PERCHÉ "IL SEPPELLITORE DI NUTRIE"

Postato il: 17 12 2018 23:37

VIDEO NOTEVOLI

Appello a Mattarella: si dimetta Presidente! - Lafinanzasulweb (06.02.2019)

Franco CFA, in Africa per la Francia è finita! - Mohamed Konare (24.01.2019)

Gheddafi: dittatori che non lo erano - Diego Fusaro (23.01.2019)

ZERO - Inchiesta sull'11 settembre (10.09.2017)

È vero che Mario Monti ha salvato l'Italia? -Alessandro Greco (06.07.2018)

Berlusconi finalmente lo ammette: "È stato un golpe" (09.02.2013)

Applausi in sala stampa per Salvini, i giornalisti irritati protestano (13.03.2018)

Le folli spese di Renzi - Alessandro Maiorano (01.12.2012) & Altro

Il colpo di stato della Ue - Tiziana Alterio, Franco Fracassi (28.09.2018)

Annotazioni quasi quotidiane di varia umanità

-- Anno: 2019 | Mese: Marzo

:: L'avvocato Paolo Sevesi, che rappresentava i familiari e un amico di Imane Fadil, ha formalizzato la rinuncia all'incarico per contrasti sulla linea nelle indagini con la famiglia della modella. Dopo gli esiti delle analisi che hanno escluso la presenza di radioattività sul cadavere, il legale aveva dichiarato: "È meglio per tutti, per Imane e per la sua famiglia. Alla fine vuol dire che in giro c'è un cattivo in meno".
-- 22 Marzo 2019

:: Prodi, una proposta allucinante. Il Mortadella che ha fatto mortadella dell'Italia, ha lanciato una proposta oscena e orrenda, raccolta soltanto a quanto pare da un altro noto sfascista, tal Pier Ferdinando Casini, che è un povero tossicodipendente della poltrona parlamentare, incapace di appendere la politica finalmente al chiodo. Esporre ai balconi la bandiera dell'Europa? Finanza in Chiaro risponde nel video motivando: Un'ingiuria verso coloro che si sono suicidati a causa delle politiche di austerity imposte dalla Ue.

-- 22 Marzo 2019

:: Qualche curiosità su chi abbia finanziato la tratta dei migranti messa in piedi dalla ong Mediterranea? Il video che segue spiega abbastanza.

-- 22 Marzo 2019

:: Ora basta! Cosa insegna l'orrenda storia del senegalese Ousseynou Sy, già resosi responsabile di molestie su bambini e guida in stato di ubriachezza? Un gesto mostruoso il suo che poteva essere una tragedia senza precedenti. Le riflessioni di Lafinanzasulweb.

-- 21 Marzo 2019

:: Bastano le poche parole che riporto tratte da un lancio d'agenzia Ansa a corroborare, se ce ne fosse stato bisogno, quanto annotato in precedenza: "Dalle prime analisi sui campioni dei tessuti degli organi prelevati a Fadil, una delle testimoni del processo Ruby, non è emersa alcuna evidenza macroscopica di radioattività\. In base all'esito delle analisi - si apprende - appare «sempre più improbabile» che Fadil sia stata contaminata da sostanze radiottive".
-- 21 Marzo 2019

:: Corriere della Sera, Stampa, Repubblica, Fatto Quotidiano, basta!, smettiamola di comperarli. Perché? Un esempio. Scrive oggi Leone Grotti su Tempi: "Da sabato i giornali interpretano la sua [di Imane Fadil] morte tragica e misteriosa in modo univoco: si tratta di omicidio volontario per avvelenamento. Chi poteva avere interesse a uccidere la giovane modella di origine marocchina, coinvolta nelle cene eleganti di Arcore e nei processi in cui è implicato Silvio Berlusconi? Ovvio, l'ex premier. Ed è da cinque giorni che Corriere e Stampa, ma soprattutto Repubblica e Fatto Quotidiano, veicolano l'ipotesi che il mandante dell'assassinio sia proprio Berlusconi o qualcuno che voleva fargli un favore". Bene, e continua più avanti: "Senza aspettare analisi, biopsia e accertamenti i giornali hanno insistito nell'avanzare la loro ipotesi con titoli come questo: Svelò il bunga bunga, muore avvelenata (Repubblica), riprendendo tutte le dichiarazioni dei pm che si stanno occupando del caso e che denunciavano «dosi abnormi» di sostanze pericolose nel sangue di Fadil". La svolta: "Due giorni fa però il pm Tiziana Siciliano ha iniziato a cambiare leggermente il tiro, affermando che, anche si trattasse di morte naturale, «per noi avrebbe la stessa dignità». E ieri ha detto: «Per noi all'80 per cento si tratta di morte naturale». Nessun omicidio, dunque, niente avvelenamento, niente radiazioni, niente spy story e niente Berlusconi". Ed ecco il vero scandalo italiano, la miseria del mainstream della carta stampata: "Si tratta ancora di ipotesi ma da quegli stessi giornali che da cinque giorni sostengono la tesi opposta a caratteri cubitali ci si sarebbe aspettati, magari non una rettifica, ma almeno una doverosa citazione. E invece il caso Fadil oggi scompare curiosamente dalle prime pagine: Repubblica, per la prima volta da sabato, non dedica neanche un articolo alla donna e di conseguenza non riferisce la nuova ipotesi della procura; Il Fatto Quotidiano si limita a una breve a pagina 17, senza parlare della tesi del pm; il Corriere a pagina 25 intervista l'avvocato di Fadil e omette le parole del pm in un pezzetto di cronaca. La Stampa semplicemente se ne frega. È un caso di amnesia collettiva?". Grotti a conclusione dell'articolo cita Frank Cimini sul Foglio di oggi: "Ho sentito con le mie orecchie" le parole del pm Siciliano. "Queste parole non le trovate su nessun giornale, in nessun sito, in nessun tg". Se qualcuno pensa ancora che i quotidiani mainstream possano servire almeno poco igienicamente come carta da cesso, sbaglia, la carta igienica costa meno.

-- 21 Marzo 2019

:: Citazioni. Matteo Salvini a Radio radio: "Ho informazioni, faccio il ministro: è certo che questa imbarcazione non abbia soccorso naufraghi che rischiavano di affogare ma sia inserita in un traffico di esseri umani, organizzato, concordato e programmato". La stessa citazione dell'atteggiamento dei migranti da parte del mainstream nazionale: "Liberté... liberté..., urlano in coro i migranti a bordo" appare come la più lampante testimonianza della montatura messa in atto da Luca Casarini e compagni di merende.
-- 20 Marzo 2019

:: Citazioni. Luigi Di Maio: "Questa nave ha disobbedito alla Guardia costiera libica e ha messo a rischio la vita di 49 persone attraversando il mare fino a Lampedusa. Se le navi delle Ong non rispettano le regole bisogna fermarle perché mettono anche a rischio la vita dei migranti".
-- 19 Marzo 2019

:: Ultim'ora. Il Viminale ha fatto sapere che "la Guardia di Finanza sta procedendo al sequestro della nave Mare Jonio, e per questo motivo la sta scortando nel porto di Lampedusa. Nelle prossime ore potrebbero scattare gli interrogatori dell'equipaggio". I migranti a bordo saranno quindi fatti sbarcare. La Procura di Agrigento ha aperto un fascicolo a carico di ignoti con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Sinceramente confido nella giustizia e che, dunque, si aprano le porte del carcere per i responsabili.
-- 19 Marzo 2019

:: Il cancro che devasta il nostro paese, ormai è fin troppo evidente, si chiama sinistra, termine obsoleto che indica gli attivisti sopravvissuti di una stagione di speranze buttate nel cesso. Una ulteriore riprova è la vicenda della nave Mare Ionio della ong Mediterranea di oggi, ora al largo di Lampedusa. Così ha commentato il ministro dell'Interno Matteo Salvini: "Questa è la nave dei centri sociali, perché a nome della nave sta parlando Luca Casarini: vedete i precedenti penali del signore che era noto per essere leader dei centri sociali del nord est, con precedenti penali vari". A bordo, ha aggiunto, "ci sono altri esponenti di sinistra e ultrasinistra, che stanno a mio parere commettendo un reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina perché hanno raccolto questi migranti in acque libiche, stava intervenendo una motovedetta libica, non hanno obbedito a nessuna indicazione, hanno autonomamente deciso di dirigere verso l'Italia per motivi evidentemente esclusivamente politici, non hanno osservato le indicazioni delle autorità, se ne sono fregati dell'alt della Guardia di finanza". Da aggiungere, come riportano le agenzie, la gran faccia tosta, diciamola così di Alessandra Sciurba portavoce di Mediterranea: "Per noi la direttiva del ministro Salvini non ha molto valore. Per noi esistono i diritti delle persone, il Diritto internazionale, i diritti umani, le convenzioni internazionali. Abbiamo chiesto un porto sicuro. Siamo italiano su una nave italiana che ha salvato delle persone che erano in pericolo di vita in mare. Attendiamo con fiducia di poter entrare in porto". Un vaffa a gran voce il commento più indicato.
-- 19 Marzo 2019

:: Sogno il 26 maggio un nuovo parlamento europeo che decreti la tanto sospirata dai popoli d'Europa morte della cosiddetta Unione Europea e la fine della ingloriosa moneta unica, il maledetto euro. Sogno, appunto.
-- 17 Marzo 2019

:: Secondo i dati aggiornati del Viminale sono diminuiti sensibilmente i permessi umanitari e aumentati i dinieghi delle domande d'asilo: dal 27% del totale al 2% sono passati i primi, i no alle richieste dei migranti, invece, sono saliti dal 56% al 77%. Dall'inizio dell'anno all'8 marzo sono state presentate 7.189 domande di asilo; 16.311 sono state le decisioni adottate e 76.779 le domande pendenti, il 43,27% in meno rispetto al 1 giugno, quando erano 135.337, data in cui si è insediato il nuovo governo.
-- 14 Marzo 2019

:: Nella clip la massima espressione della protesta femminista sinistroide. Per la propaganda fine a se stessa, ogni occasione è ghiotta. Non meraviglia, la sinistra ama gli ismi, non i fatti (per emettere uno slogan basta respirare, i fatti bisogna farli, esserne capaci e soprattutto volerli realizzare).

-- 13 Marzo 2019

:: "Continuiamo a lavorare per recuperare il sistema elettrico nazionale. La macabra strategia di portarci ad uno scontro fallirà. Vinceremo!". Così il presidente del Venezuela su Twitter scrive a proposito del criminale tentativo attualmente in atto da parte della CIA di fiaccare la resistenza del popolo venezuelano per impadronirsi del paese mettendo sulla poltrona più alta un suo squallido pupazzo, tal Guaidò, un pagliaccio gradito dai paesi occidentali servi degli Usa e particolarmente dai loro lacchè che siedono a Bruxelles, nonché particolarmente dal mainstream nazionale (tg e giornali schiavi dei poteri economico-finanziari occidentali). Secondo quanto ha scritto, sempre su Twitter, il senatore repubblicano americano Marco Rubio, il sabotaggio attuato contro il legittimo governo venezuelano avrebbe causato ottanta morti nel reparto neonatale di un ospedale paralizzato dal blackout. Non si sa se sia una delle tante fake fatte girare ad arte, ma la cosa certo indigna a tal punto di augurare, se vi fosse davvero una giustizia superiore in questo universo, a Washington e agli americani di lingua inglese di patire finalmente qualcosa che ricordi le bibliche 10 piaghe d'Egitto. La totale assenza di elettricità è costata finora al settore privato, in un paese già economicamente in ginocchio, 400 milioni di dollari. Contro l'attacco occidentale il governo sta correndo ai ripari. "Il governo bolivariano ha deciso di sospendere le lezioni e le attività lavorative lunedì 11 marzo per sconfiggere, con la forza della verità e della vita il brutale attacco terroristico contro il popolo. Insieme vinceremo", così ha scritto il ministro della Comunicazione Jorge Rodriguez.
-- 11 Marzo 2019

:: Il giorno della Festa della Donna, le cinque giocatrici più forti della nazionale campione del mondo che fra tre mesi difendono il titolo, hanno fatto causa a nome delle 28 compagne di squadra alla Federcalcio degli Stati Uniti per "istituzionalizzata discriminazione sessuale". Hope Solo, Carli Lloyd, Becky Sauerbrunn, Megan Rapino e Alex Morgan contestano la stridente differenza di trattamento economico dei colleghi uomini. Così l'AGI. Gli uomini, si spiega, molto meno vincenti, eppure retribuiti il 40 per cento in più.
-- 09 Marzo 2019

:: Citazioni. Matteo Salvini, ministro dell'interno: "I ministri non possono limitarsi alle mimose, credo sia più utile presentare due leggi che diventeranno presto realtà, entro la primavera, e risparmieranno sofferenze a migliaia di donne che sono in balia di delinquenti e norme inefficaci". Le due norme riguardano l'introduzione del cosiddetto codice rosso per far ascoltare le donne dal magistrato entro 72 ore dalla denuncia e l'abolizione del rito abbreviato con sconti di pena per i reati gravi contro le donne.
-- 08 Marzo 2019

:: Un lancio Ansa di ieri (14:12) ci diceva che con una mozione depositata in Senato, a prima firma Marcucci, il Pd chiede la sfiducia al ministro dei Trasporti Toninelli e chiede le sue immediate dimissioni. Non si indicano i motivi, ma piuttosto che, a quanto si apprende, il gruppo di Fratelli d'Italia è orientato a votare la mozione di sfiducia ma non a firmarla e che il partito di Berlusconi deciderà. Un altro atto di sabotaggio del governo, direbbe un cabarettista. L'imprenditore Andrea Marcucci, il primo firmatario, è attualmente il capogruppo del Pd in Senato. Si dà per scontato che tutti conoscano tutti, ma chi è Marcucci? Vediamo in sintesi la sua biografia politica ricavandola da una fonte insospettabile, un articolo de Il Sole 24 Ore del 7 aprile 2018. Classe 1965, di Barga (Lucca), un primo mandato da deputato nel 1992 con il Pli di Renato Altissimo, spinto anche da una campagna elettorale da mezzo miliardo di lire (subentrò al ministro liberale della Sanità Francesco De Lorenzo eletto anche in Campania), in passato presidente della Lega hockey e appassionato di rally, dopo una parentesi imprenditoriale torna alla politica con la Margherita (la famiglia ha sempre avuto buoni rapporti con la Dc toscana) dove comincia il sodalizio con il giovane presidente della provincia fiorentina: Matteo Renzi. Nel 2006 non entra in Parlamento ma diventa sottosegretario al ministero dei Beni culturali nel governo Prodi con Francesco Rutelli. Nel 2008 è al Senato con il Pd. Marcucci è un sostenitore della prima ora del "rottamatore": nel 2012 i primi circoli toscani a sostegno della candidatura di Renzi alle primarie del centrosinistra nascono proprio in provincia di Lucca. Rieletto nel 2013 (stavolta per la "propaganda elettorale" dichiara appena 19.841,55 euro), nella scorsa legislatura Marcucci è stato presidente della commissione Cultura del Senato e sicuro punto di riferimento a Palazzo Madama per Renzi fino alla scalata a Palazzo Chigi. (...) Il 4 marzo il 4 marzo nel collegio uninominale della città è stato però sconfitto dal candidato di centrodestra Massimiliano Mallegni. Marcucci è arrivato terzo con 26% dei consensi. È stato ripescato nel collegio plurinominale, come previsto dalla legge elettorale voluta dal Pd. Anche la sua presenza nel settore economico è particolarmente interessante e istruttiva. Questa è solo una veloce annotazione. Rimando chi fosse interessato ad ampliare la propria conoscenza sul personaggio, di leggere l'intero articolo di Riccardo Ferrazza sul Sole, lo si trova a questo link.
-- 06 Marzo 2019

:: Di un articolo di Salvatore Izzo su AGI, Papa Francesco e gli "stati canaglia" che tali non sono. Il caso venezuelano ricorda fin troppo da vicino certi interventi nel Medio Oriente, così titolo e sommario, riporto i primi paragrafi. "Dalla lingua cominciano le guerre". Sono parole di Papa Francesco all'Angelus di domenica 3 marzo. Che sia vero lo abbiamo visto in queste settimane con la telenovela del presidente autoproclamato del Venezuela Juan Guaidò, riconosciuto (in molti casi solo a parole) da diversi paesi europei e latinoamericani su pressione degli Usa. Una farsa rilanciata con enfasi dai media di tutto il mondo, la cui seconda puntata era il tentativo (non riuscito) di invadere il paese con camion di aiuti alimentari scaduti, che contenevano anche armi e esplosivi pienamente efficaci. E che ha avuto un prologo nell'attentato del 4 agosto al presidente Maduro, preparato tra Washington e Bogotà, come ammesso dagli stessi congiurati. "In guerra la prima vittima diventa sempre la verità", ha scritto del resto Eschilo oltre duemila anni fa. E certo questa affermazione ha trovato conferme in ogni tempo. Papa Francesco, rivolgendosi alla folla presente in piazza San Pietro, ha suggerito in proposito ai fedeli che "ciascuno si interroghi chiedendosi 'io parlo male degli altri?' Cerchiamo di correggerci almeno un poco, ci farà bene a tutti". Parole che colpiscono e fanno pensare: riguardano la vita di ciascuno ma anche la geopolitica e in particolare la demonizzazione degli "stati canaglia" (che tali non sono) da parte della Casa Bianca. Chi non ricorda l'attacco all'Iraq giustificato con presunte armi di distruzione di massa che non c'erano?. Consiglio la lettura dell'articolo soprattutto a coloro che bevono tutto, manco fosse una festa dell'Unità continua, dal mainstream democratico nazionale (Skytg24, La7, Rai3, i canali Mediaset e compagnia cantante).
-- 04 Marzo 2019

:: Citazioni. Moni Ovadia. Moni Ovadia nel 2014, alle elezioni europee, fu eletto con oltre 33 mila voti con la lista "L'altra Europa per Tsipras", ma rinunciò al seggio. Così intervistato da Agi: "Mi ero candidato per aiutare un progetto nel quale ho creduto, ancora una volta povero ingenuo illuso: anche in quel caso è stato semplicemente uno strumento perché i partitini della sinistra facessero gli affari loro. Ora per me è chiusa perché i partiti hanno rivelato la loro natura: quando tu vivi in un'Europa minacciata dai populismi ultra reazionari fascistoidi e pensi solo alle beghe interne vuol dire che non sei di sinistra. (...) Non posso mettere la mia faccia di persona per bene, gute mentsh come si dice in yiddish, con persone corrotte".
-- 04 Marzo 2019

:: Risultato delle primarie piddine a Brembio, 2645 abitanti, comune lodigiano già roccaforte della sinistra e del Pd. Eloquente.

-- 04 Marzo 2019

:: Lo spread non funziona più, non fa più paura? Nessun problema, ci inventiamo il numero dei votanti alle primarie del Pd. Mamma mia, che apocalitico babau! Le sezioni locali dimezzano, ma... E se anche il numero buttato lì fosse vero, allora ben si comprenderebbe alla fine a cosa servono i migranti.
-- 04 Marzo 2019

:: Intevistato da Fazio - fa servizio pubblico lui (sì, per la Francia) - Macron parlando dell'invito rivolto al suo omologo Mattarella di convenire in Francia ha detto: "Saremo insieme io e Mattarella per il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo, il 2 maggio". Chissà i lamenti per l'evento nella cappella Saint Hubert presso il castello di Amboise.
-- 03 Marzo 2019

:: Il Pd, dunque, oggi prova la strada della farsa. Come usa dare i numeri delle proprie manifestazioni la decotta sinistra, oggi avrebbero risposto al richiamo del voto per scegliere il segretario di un partito defunto in oltre un milione e settecento mila (elettori reali). Zingaretti sarebbe stato promosso segretario con la percentuale bulgara del 70% dei voti. Complimenti. Ma per favore! Raccontatecene un'altra.
-- 03 Marzo 2019

:: Dal blog di Beppe Grillo. "A Milano 250.000 persone hanno manifestato contro il razzismo, un razzismo esclusivamente mediatico, ma Sala lo definisce momento spartiacque... ed ha ragione. Chiunque abbia un minimo di buon senso non vede alcun razzismo, ma soltanto un crescente egoismo sociale. Ma allora cosa sta succedendo? Sembra che il paese non voglia confrontarsi con i suoi veri fantasmi. Se fosse una manifestazione contro l'egoismo, contro il mors tua vita mea, ne sarei felice. Ancora di più, se fosse una manifestazione contro la mafiosità, i favori e le caste... ma stiamo soltanto sognando. Il paese sceglie falsi problemi: piuttosto che decidere di sostenere i suoi milioni di poveri preferisce disquisire di miliardi per bucare una montagna ed altre questioni che non esistono. Piuttosto che cacciare i mafiosi della politica offre a quella stessa vecchia politica alibi per rifarsi l'ennesimo lifting. Terreno di coltura ideale per i frou frou piddini e berlusconiani: cabaret invece che lotta. Persi nelle nebbie delle primarie si ritrovano nel vuoto nulla impannocchiato in fronzoli".
-- 03 Marzo 2019

:: Si sente nell'aria. Si sta preparando stasera la più grande fake news di sempre.
-- 03 Marzo 2019

:: Sempre un lancio di agenzia informa che ai gazebo del Pd possono votare tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto 16 anni e quelli dell'Unione europea e di altri Paesi, residenti in Italia, anche se per votare occorre, dicono, avere la tessera elettorale e un documento di identità. Domanda spontanea è come possano votare i minori e gli extracomunitari. Non era più intellettualmente onesto dire che banalmente possono votare cani e porci?
-- 03 Marzo 2019

:: Una Adnkronos evidenzia che per le primarie piddine sono stati previsti seggi speciali negli ospedali, case di cura, case di riposo. Nei cimiteri no?
-- 03 Marzo 2019

:: La propaganda gratuita fornita dal mainstream nazionale alle primarie del Partito democratico, oscurando informazione ben più interessante e notevole, è sintetizzabile con una semplice parola, vomitevole.
-- 03 Marzo 2019

:: "Un gesto concreto di vicinanza al sindaco, avversario politico che merita rispetto". Così Alessandro Gentiletti, consigliere di Senso civico, che assieme al capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Francesco Filipponi, al vicepresidente dell'Assemblea regionale dei democratici, Sandro Corsi, e Mattia Nannurelli, sempre del Pd, hanno cancellato con pennelli e vernice la scritta contro il sindaco di Terni Leonardo Latini, della Lega, comparsa su un muro della bibliomediateca comunale. Per Gentiletti, "un gesto che serve a marcare una distanza anche fisica da chi ha fatto quella scritta". Un gesto da evidenziare.
-- 01 Marzo 2019

:: Il gip di Firenze ha confermato gli arresti domiciliari per Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell'ex premier Matteo Renzi, accusati di bancarotta fraudolenta e false fatturazioni. Tra i nuovi atti di indagine che la procura di Firenze martedì scorso ha allegato al parere contrario alla revoca degli arresti domiciliari per Tiziano Renzi e Laura Bovoli ci sono anche i documenti relativi alla procedura fallimentare della cooperativa Marmodiv di Firenze su cui il tribunale fallimentare dovrebbe emettere sentenza alla prossima udienza del 20 marzo. La procura ritiene che Tiziano Renzi e Laura Bovoli controllassero anche questa società tramite persone di fiducia.
-- 01 Marzo 2019

:: La notizia è di ieri (lancio Ansa delle 16:12). È passata nel mainstream? Non so, può essere. La madre di Matteo Renzi, Laura Bovoli, è stata rinviata a giudizio oggi dal Tribunale di Cuneo con l'accusa di concorso in bancarotta fraudolenta per i contatti con una società cuneese, la Direkta srl fallita nel maggio 2014 e coinvolta in una vicenda di fatture false. Le agenzie dicono che l'amministratore della società, Mirko Provenzano, è già stato condannato per reati fiscali e ha patteggiato per la bancarotta. L'inchiesta aveva messo in luce una serie di fatture false a favore della Direkta per il riordino dei conti, emesse dalla Eventi6, società di Rignano sull'Arno fra i cui amministratori figura la madre dell'ex premier Renzi. Un altro mattone?
-- 01 Marzo 2019


SEZIONI DEL SITO

HOMEPAGE | Blog | Edizioni curate | Fotografia: Gallerie -- Libri | Poesia: Libri -- Testi online | Puzzle e Altro | Racconti: Libri | Ritagli e Lettere | Rivista Keraunia | Traduzioni | Saggi | Scacchi
Sul pezzo | Video Clip | Visual Art: Gallerie -- Libri -- Video | Preferenze: MusicaFilm & Altro



Il sito non utilizza cookie, però add-on di terze parti presenti su alcune pagine potrebbero farne uso.
Se prosegui la navigazione del sito acconsenti l'uso di eventuali cookie di terze parti.

Pagine visitate: 3101837

© Sergio Fumich 1987-2019