Sergio Fumich è nato a Trieste nel 1947. Ha svolto attività pubblicistica dal 1978 al 1995 come collaboratore del quotidiano di Lodi Il Cittadino. È stato direttore responsabile di alcuni fogli locali e della rivista di poesia Keraunia. Ha pubblicato libri di poesia e di racconti, libri di fotografia e grafica, libri ed opuscoli divulgativi.

Identificativo SBN: IT\ICCU\CFIV\106311
ISNI: 0000 0000 3584 7165



EDIZIONI CURATE

Testi di altri autori pubblicati a cura di Sergio Fumich


Che altri si vantino delle pagine che hanno scritto; io sono orgoglioso di quelle che ho letto.

(Jorge Louis Borges)


LE PUBBLICAZIONI DEL CIRCOLO ANDREANI

CAMILLO BERNERI - SCRITTI

Camillo Berneri

SCRITTI
Il lavoro attraente, Umanesimo e anarchismo, La garçonne e la madre, Carlo Cattaneo federalista
a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1409233497 - Brossura, 208 pag.

Camillo Berneri è stato tra gli intellettuali ita­lia­ni più creativi e importanti del periodo tra le due guerre mondiali. Passato ancora di­ciot­ten­ne dalle fila socialiste all'anarchismo, al­l'im­pe­gno militante, aiutato dalla sua grande pas­sio­ne per l'approfondimento storico e fi­lo­so­fi­co affiancò costantemente lo sforzo di conferire alla dottrina anarchica dimensioni teoriche e politiche che ne valorizzassero le potenzialità immediate. Il libro presenta alcuni dei molti suoi scritti.

SEZIONI DEL SITO

:: HOMEPAGE
:: Blog
:: Edizioni curate
:: Fotografia
   Gallerie
   Libri
:: Poesia
   Libri
   Testi online
:: Puzzle e Altro
:: Racconti
   Libri
:: Ritagli e Lettere
:: Rivista Keraunia
::
Traduzioni
:: Saggi
:: Scacchi
:: Sul pezzo
:: Video Clip
:: Visual Art
   Gallerie
   Libri
   Video
:: Preferenze
   Musica


MUSSOLINI ALLA CONQUISTA DELLE BALEARI

Camillo Berneri

MUSSOLINI ALLA CONQUISTA DELLE BALEARI
Stato, Burocrazia e Parlamentarismo
e altri scritti
a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1409235224
Brossura, 168 pag.

Il libro raccoglie alcuni testi di Ca­mil­lo Berneri, il maggiore in­tel­let­tua­le anarchico italiano del No­ve­cen­to, che visse la sua mi­li­tan­za nel ventennio cruciale che va dal 1917 al 1937, un periodo storico che vide eventi che ridisegnarono il quadro della lotta politica e sociale: la ri­vo­lu­zio­ne russa, il crollo del­l'Eu­ro­pa dinastica, la crisi della civiltà li­be­ra­le e l'avvento del fascismo e del nazismo.

FELICE ORSINI - MEMORIE POLITICHE

Felice Orsini

MEMORIE POLITICHE
scritte da lui medesimo e dedicate alla gioventù italiana
a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1409231585
Brossura, 320 pag.

Felice Orsini fu un agitatore e insurrezionalista italiano, noto per aver tentato di assassinare Na­po­le­o­ne III, Imperatore di Francia. Il libro è la succinta narrazione dei fatti e rivolgimenti, dei quali fin dal 1833 fu testimone e parte. Orsini dedica il racconto delle sue vicende ai giovani perché, come scrive, co­no­sca­no "la ragione dell’odio pro­fon­do, che deve nutrire il pa­trio­ta italiano contro il papato, il di­spo­ti­smo interno, e la do­mi­na­zio­ne stra­niera"; perché conoscano "gli uo­mi­ni, ch’ebbero in mano le sorti patrie nel 1848, e che pretendono dare oggi la direzione al moto nazionale"; e perché, infine, conoscano "gli errori, che di rovescio in rovescio hanno condotto gli Italiani nella presente schiavitù, ed i repubblicani nella discordia, nella sfiducia, e nell’impotenza". Il libro, insomma, oltre a tracciare la figura del per­so­nag­gio Orsini, è utile per una riflessione sui miti del Risorgimento italiano.

MONSIGNOR BOUGAUD - IL DOLORE

Monsignor Bougaud

IL DOLORE
a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291142068
Brossura, 172 pag.

"Il Dolore" di Monsignor Bougaud, vescovo di Laval, è il terzo libro che il Circolo Culturale Anticonformista Andreani ripubblica con lo scopo di testimoniare quanto la cultura in queste campagne della Bassa lo­di­gia­na, nell’Ottocento e nella pri­ma metà del Novecento, fosse va­rie­ga­ta ed ampia, anche se ristretta alla cerchia familiare dei facoltosi e dei possidenti o dei conduttori di fondi agricoli. Il libro è parte di quanto rimane della biblioteca delle sorelle Caterina e Maria Zanoni, che, o­ri­gi­na­rie di Vittadone (Ca­sal­pu­ster­len­go), dove i loro genitori e fratelli conducevano i fondi delle Cascine Muzzane, trascorsero gli ultimi trent'anni della loro vita a Brembio. La biblioteca delle due sorelle era particolarmente ricca di libri sui più diversi temi religiosi, dalle biografie di papi e santi a testi apologetici o di divulgazione dei fondamenti del Cristianesimo e della Chiesa cattolica. Questo libro è il primo di tali documenti che il Circolo ripropone in una nuova edizione.


OPERA PRO ORIENTE. IL PANE

Opera Italiana Pro Oriente

IL PANE
Temi premiati nel Concorso Nazionale per la Celebrazione del Pane 1928 - VI
Riedizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291598704
Brossura, 144 pag.

Nel recupero della biblioteca delle sorelle Zanoni, possidenti, tra­sfe­ri­te­si a Brembio intorno agli anni Trenta, è stata ritrovata una copia ben conservata del libro, pubblicato dalla Casa Editrice "La Montanina" dell'Opera Italiana Pro Oriente, a Milano nel febbraio 1929. Il libro contiene i temi premiati nel con­cor­so nazionale per la Celebrazione del Pane rivolto alle scuole superiori, indetto nel 1928. Nella prefazione l'Opera Pro Oriente auspicava: "Questo libretto (…) dovrebbe trovar fortuna nelle campagne" perché lavorar la terra non è bucolica letteratura, "lavorar la terra è opera di pudico e oscuro coraggio; e la bellezza che sorge da quell'ostinato battagliare fra le zolle è, dal vero contadino, sentita in cuore quasi cupamente: con un lampo tenero e rude e fugace negli occhi contenti". I temi premiati hanno "trovato il tono giusto del celebrare terra e pane: non ditirambi, non frascherie; ingenua ammirazione, invece, e pronta facilità a capire di quanto sudore si prosperino la terra e la mensa".

DESCRIZIONE DELLA FEDELISSIMA CITTÀ DI TRIESTE

Girolamo Agapito

DESCRIZIONE DELLA FEDELISSIMA CITTÀ E PORTO-FRANCO DI TRIESTE
Unitamente alle sue vicinanze e passeggi
a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291579833
Brossura, 112 pag.

L'autore del libro, il conte Girolamo Agapito, fu un'interessante figura del­la società triestina nella prima me­tà dell'Ottocento. L'idea del Cir­co­lo Andreani, nel pubblicare que­sto libro in una collana di testi o­ri­gi­na­li dell'Ottocento e del primo No­ve­cen­to, vuole essere quella di con­tri­bui­re a mostrare come la pro­pa­gan­da, soprattutto quella fascista e quella post-fascista dell'ultimo dopoguerra, abbiano lasciato in eredità immagini della realtà distorte da cattive lenti. E, per quanto riguarda Trieste, il libro del conte Girolamo Agapito può essere un utile strumento per provare a vedere la città porto dell'Austria con ottiche diverse.

CONSERVAZIONE DELLA SALMA DI GIUSEPPE MAZZINI

Paolo Gorini

LA CONSERVAZIONE DELLA SALMA DI GIUSEPPE MAZZINI
Notizie fornite da Paolo Gorini
Nuova edizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1326049218
Brossura, 54 pag.

Paolo Gorini fece stampare nel 1873, a Genova, dalla tipografia del Regio Istituto Sordo Muti, il libro, che viene riproposto in questa nuo­va edizione. Il libro conteneva in­for­ma­zio­ni sulla vicenda della sal­ma di Giuseppe Mazzini e della sua con­ser­va­zio­ne, processo che egli stava portando avanti. Nel libro, però, il Gorini non si limita ad una esposizione giornalistica, per così dire, degli avvenimenti e di come e quanto egli avesse operato a Genova sul corpo del Mazzini per conservarlo all'ammirazione dei posteri. Nel libro lo scienziato non solo descrive le sue esperienze riguardo alla imbalsamazione, ma perora anche, con ampie motivazioni, la causa della pratica della cremazione come soluzione più consona per la dissoluzione dei cadaveri.


L'ORGANIZZAZIONE OPERAIA E L'ANARCHIA

Luigi Fabbri

L'ORGANIZZAZIONE OPERAIA E L'ANARCHIA
a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1326109240
Brossura, 64 pag.

Luigi Fabbri è stato una delle più im­por­tan­ti figure del movimento a­nar­chi­co italiano e internazionale. Teorico del comunismo-anarchico, dif­fu­se il pensiero anarchico at­tra­ver­so diverse riviste, libri e opuscoli propagandistici. Il testo che viene riproposto in questa edizione del libro, curata dal Circolo Andreani, fu pubblicato nel 1906 a Roma dalla Casa Editrice Libraria "Il Pensiero".

ANARCHIA E COMUNISMO "SCIENTIFICO"

Luigi Fabbri

ANARCHIA E COMUNISMO "SCIENTIFICO"
a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1326107710
Brossura, 52 pag.

Luigi Fabbri è stato una delle più im­por­tan­ti figure del movimento a­nar­chi­co italiano e internazionale. Teorico del comunismo-anarchico, diffuse il pensiero anarchico at­tra­ver­so diverse riviste. Il testo che viene qui riproposto fu pubblicato nel 1922 a Milano dalla Libreria Editrice "Tempi Nuovi". Il testo fu occasionato dalla pubblicazione del­l'o­pu­sco­lo "Anarchia e Comunismo scientifico" di Bucharin: "Il Bucharin - dice Fabbri, - non riferisce alcuna idea genuina dell'anarchismo, nessuno dei postulati del programma comunista anarchico, quali veramente sono; né si dà la pena d'in­for­mar­si sulle idee anarchiche, attingendo alla fonte diretta della loro letteratura storica e teorica".

DIO, RELIGIONE E PRETI

Ugo Malizia

DIO, RELIGIONE E PRETI
a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1326126964
Brossura, 52 pag.

Dalla prefazione: "Nel clima ar­ro­ven­ta­to del dopo guerra, gli a­nar­chi­ci non potevano e non do­ve­va­no estraniarsi dalla baruffa po­li­ti­ca che uomini e partiti s’affannavano a com­bat­te­re nel tentativo disperato di rimettere in piedi la baracca tra­bal­lan­te dello stato. Si trattava d'a­ver le mani in pasta per la ri­co­stru­zio­ne del paese il che, na­tu­ral­men­te, si sarebbe risolto in una valanga di appalti, di forniture, di grossi af­fa­ri i cui lauti benefici sarebbero sta­ti pagati con i sacrifici e le pri­va­zio­ni della già stremata massa della popolazione che già aveva sopportato il peso maggiore della guerra e che sarebbe stata impegnata in almeno un'altra cinquantina d'anni di fame e di miseria e soffocata di tasse e balzelli fino a saturazione ed oltre. In questa competizione emersero subito clericali e comunisti, o meglio coloro che si nascondevano dietro costoro. Non potendo con­fes­sa­re apertamente il vero carattere delle loro manovre affannose, cer­ca­va­no di coprirsi con il comodo paravento delle 'ideologie'..."


SOCIALISMO E MASSONERIA

Sante Vannuzzi

SOCIALISMO E MASSONERIA
Note di un socialista massone
Nuova edizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1326052461
Brossura, 38 pag.

L'adesione alla Massoneria e l'ap­par­te­nen­za ad un partito della Si­ni­stra sono compatibili? La que­stio­ne è sollevata e disaminata nel­l'o­pu­sco­lo di Santi Vannuzzi.

VITA DI GIOVANNI CALVINO

Laurence Louis Félix Bungener

VITA DI GIOVANNI CALVINO
Riedizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291611502
Brossura, 132 pag.

Il testo del libro è quello della prima edizione italiana per i tipi della Ti­po­gra­fia Claudiana di Firenze, pub­bli­ca­to nel 1868, che l'editore con­si­de­ra­va "la più imparziale e veridica di quante fino adesso si co­no­sco­no".

L'EUCARISTIA E IL PAPATO

Mons. Mario Mineo Janny

L'EUCARISTIA E IL PAPATO
a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291174496
Brossura, 56 pag.

Riedizione dell'opuscolo di mons. Mario Mineo Janny, pubblicato a Mi­la­no nel 1902 dalla Tipografia della Santa Lega Eucaristica. L'opuscolo è parte del lascito documentale delle sorelle Zanoni, di cui il Circolo An­dre­a­ni sta curando la va­lo­riz­za­zio­ne.


LA RIVOLUZIONE

Carlo Pisacane

LA RIVOLUZIONE
Con l'aggiunta dei cenni storici di Luigi Fabbri su la vita, le opere, l'azione rivoluzionaria
a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291506471
Brossura, 234 pag.

Per Pisacane, prima ancora del­l'i­stru­zio­ne e formazione del po­po­lo predicate dalla dottrina maz­zi­nia­na, occorreva risolvere la que­stio­ne sociale, che in Italia allora era la questione contadina, con la riforma agraria. La rivoluzione nazionale doveva scaturire dalla rivoluzione sociale e per liberare la nazione occorreva che prima insorgessero le plebi contadine. Pisacane teorizzava che a ciascuno fosse garantito il frutto del suo lavoro e che ogni altra proprietà fosse abolita, dichiarandosi sostenitore della proprietà collettiva delle fabbriche e dei terreni agricoli. Fu il teorizzatore della "propaganda del fatto", l'azione avanguardista, l'esempio che genera l'insurrezione, che consente il propagarsi della necessaria rivoluzione sociale, dell'impegno fisico ed attivo nell'impresa rivoluzionaria. Per Pisacane, solo dopo aver liberato il popolo dalle sue necessità materiali si sarebbe potuto istruirlo ed educarlo per condurlo alla rivoluzione.

CARDUCCI E OBERDAN. 1882-1916

Albano Sorbelli

CARDUCCI E OBERDAN
1882 - 1916
Edizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291541182
Brossura, 144 pag.

Scriveva Albano Sorbelli nella pre­mes­sa al libro: "Sembrano pagine già lontane, se si bada ai due nomi inscritti sul frontispizio, queste che seguono, scritte su prezioso e i­ne­di­to materiale, e invece ap­pa­ri­ran­no legate intimamente a noi. Chi ben osserva, scorge che vibrano ora, nei figli d'Italia, quella stessa anima e quegli stessi sentimenti che muo­ve­va­no il martire Oberdan e il suo assertore Carducci, che fu insieme assertore e vate dei diritti e dei destini dell'Italia sulle terre d'oltre Isonzo".
Il testo del Sorbelli è arricchito da un'ampia introduzione di Sergio Fumich sul "caso Oberdank" e da altri scritti del Carducci.

PER LA PIÙ GRANDE ITALIA

Gabriele D'Annunzio

PER LA PIÙ GRANDE ITALIA
Orazioni e Messaggi
Edizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291548440
Brossura, 92 pag.

I Fratelli Treves, editori in Milano, pubblicarono nel 1915 i messaggi ed i discorsi pubblici di Gabriele D'An­nun­zio, che il poeta fece nel maggio di quell'anno, ad in­ci­ta­men­to e sostegno dell'entrata in guerra dell'Italia. Il testo usato per la sua riedizione è quello della quarta ri­stam­pa del 1920.
Gabriele D'Annunzio il 5 maggio 1915 si era recato a Genova per inaugurare sullo scoglio di Quarto un monumento ai Mille. Il libro raccoglie quanto a Genova fu detto dal poeta, in particolare il discorso di violento incitamento alla guerra per la "resurrezione" e "in­te­gra­zio­ne" della patria. Nella seconda parte il libro raccoglie i discorsi romani quando, come ricordato, non esitò ad incitare i presenti al linciaggio del neutralista Giovanni Giolitti. Il libro ancora raccoglie la dichiarazione di guerra ed il messaggio del re Vittorio Emanuele III ai soldati.


GLI ARTEFICI DELLA VITTORIA

La Società Tipografica Editoriale Porta di Piacenza diede alle stampe negli anni Venti del secolo scorso una serie di vo­lu­met­ti, singoli o doppi, che trac­cia­va­no i profili degli "Artefici della Vittoria", con l'intento dichiarato nell'epigrafe di "con­se­gna­re stabilmente alla storia e alla gloria la grande aristocrazia della vit­to­rio­sa guerra d'Italia". La raccolta, ideata e curata da Mario Carli, arricchita da fre­gi ornamentali di Guido Marussig e pubblicata "sotto gli auspici delle au­to­ri­tà statali e col favore nazionale", si av­val­se della collaborazione di im­por­tan­ti personaggi dell'epoca.

Emilio Settimelli

BENITO MUSSOLINI
Riedizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291983098 - Brossura, 50 pag.

Giulio Benedetti

ENRICO CORRADINI
Riedizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291981537 - Brossura, 52 pag.

Alceste De Ambris

FILIPPO CORRIDONI
Riedizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291631685 - Brossura, 60 pag.

Ludovico Toeplitz de Gran Ry

FULCIERI PAULUCCI DI CÀLBOLI
Nuova edizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291631760 - Brossura, 52 pag.


IMPRESSIONI. NADIA GANDINI

Sergio Fumich

IMPRESSIONI
La Brembio di ieri nella pittura di Nadia Gandini

ISBN 978-1291614220 - Brossura, 90 pag.

Dopo esperienze artistiche con altri ma­te­ria­li, dedicatasi da qualche tempo alla pittura – per diletto, come ama sot­to­li­ne­a­re, – Nadia Gandini usa questa forma di espressione per far rivivere sulla tela la Brembio rurale d'un tempo, ri­pro­du­cen­do­ne, con attenzione al par­ti­co­la­re, an­go­li caratteristici ricchi di sfac­cet­ta­tu­re umane e d'una vivibilità fatta di secolari valori ormai soppiantati dall'avanzare del­la modernità che appiattisce ed im­po­ve­ri­sce.

LODI. MONOGRAFIA STORICO-ARTISTICA. 1877

Sergio Fumich (a cura)

LODI
Monografia storico-artistica. 1877. Nuova edizione.

ISBN 978-1291706673 - Brossura, 268 pag.

Nel 1877, il tipografo editore dott. Fran­ce­sco Vallardi di Milano pubblicò que­sta Monografia Storico-artistica con­te­nen­te documenti inediti allora e realizzata con il concorso di "parecchi cultori di storia pa­tria" e del Municipio di Lodi. Lo scopo del libro, come sottolineavano al lettore nella premessa il dott. Felice De Angeli ed il prof. Andrea Timolati, era quello di col­ma­re una lacuna, la mancanza di una mo­no­gra­fia che compiutamente rac­co­glies­se "tutte le più importanti no­ti­zie geografiche, storiche, letterarie ed ar­ti­sti­che di questa nobilissima fra le terre italiane".

SEZIONI DEL SITO

:: HOMEPAGE
:: Blog
:: Edizioni curate
:: Fotografia
   Gallerie
   Libri
:: Poesia
   Libri
   Testi online
:: Puzzle e Altro
:: Racconti
   Libri
:: Ritagli e Lettere
:: Rivista Keraunia
::
Traduzioni
:: Saggi
:: Scacchi
:: Sul pezzo
:: Video Clip
:: Visual Art
   Gallerie
   Libri
   Video
:: Preferenze
   Musica


I SOGNI DELL'ANARCHICO

Ugo Mioni

I SOGNI DELL'ANARCHICO

ISBN 978-1409220060
Brossura, 136 pag.

Ugo Mioni, sacerdote, pub­bli­ci­sta e fecondo scrit­to­re, nacque a Trieste nel 1870. Morì a Mon­te­pul­cia­no (SI) nel 1935. A Trieste istituì il circolo cattolico "Contardo Ferrini" e fu tra i promotori del settimanale diocesano "Vi­ta nuova". Gli stessi mo­ti­vi apologetici del cristianesimo e didattici, intesi a mostrare l'esemplarità del cristiano come cittadino, che animarono mons. Mioni giornalista, si ritrovano condensati nel libro. E gli stessi numerosi sogni che l'anarchico protagonista del romanzo si trova a "vivere" nella notte di Natale altro non sono che un messaggio in tal senso ripetuto, unico, sempre lo stesso nonostante le variazioni di ambientazione storica ed il ruolo di volta in volta assunto.

IL MIO CARSO

Scipio Slataper

IL MIO CARSO

ISBN 978-1409222880
Brossura, 104 pag.

Il libro a cui Slataper deve la sua notorietà come scrit­to­re, uno dei capolavori della prosa italiana del primo No­ve­cen­to. "Il mio carso" è un inno eterno di dedizione a due amori: una donna mor­ta, una città, la sua pa­tria, Trieste e il suo carso. "Il mio carso", dove la lingua trie­sti­na scava come l’acqua nel calcare del carso ca­rat­te­riz­zan­do­ne il linguaggio, è una narrazione im­pron­ta­ta dal difficile equilibrio tra imperativo mo­ra­le e un ardente desiderio di una totale e libera a­de­sio­ne alla vita.

SENILITÀ

Italo Svevo

SENILITÀ

ISBN 978-1409227113
Brossura, 216 pag.

"Senilità" è il secondo ro­man­zo di Italo Svevo. Il ro­man­zo apparve sul­l'In­di­pen­den­te a puntate nel 1898 e fu pubblicato in volume, a spese dell'autore, nello stes­so anno ma senza ot­te­ne­re alcun successo, tanto che la delusione contribuì ad al­lon­ta­na­re per un lungo pe­rio­do lo Svevo dalla scrittura. I temi della narrazione – che racconta la storia di una vita divisa tra brama di piaceri e desiderio di amore e il rimpianto di non averli goduti – sono l'incapacità di gestire la vita e l'inettitudine, la quale porta l'individuo ad ammalarsi o a vegetare nei ricordi, in uno stato di senilità.

LA SAGRA DI SANTA GORIZIA

Vittorio Locchi

LA SAGRA DI SANTA GORIZIA

ISBN 978-1409226291
Brossura, 56 pag.

Il libro ripropone il piccolo capolavoro di Vittorio Locchi, pubblicato postumo alla fine del 1917 dall'editore Ettore Cozzani nella sua collana "I gioielli del L'Eroica". Il po­e­met­to celebra la con­qui­sta italiana della città di Gorizia.



SONETTI DELL'ANIMA

Antonino Anile

SONETTI DELL'ANIMA
Nuova edizione a cura di Sergio Fumich

ISBN 978-1291980639
Brossura, 40 pag.

Ha scritto Luigi Ambrosoli: "Nella poesia, in cui ri­flet­te­va la sua concezione della scienza e della natura, l'A­ni­le trovò liberazione dalle in­quie­tu­di­ni dell'esistenza, giustificando angoscia e dolore in una visione provvidenziale; la sua lirica ha una voce lieve e tenue: rifugge dai contrasti dram­ma­ti­ci come rifugge da ogni tendenza de­cla­ma­to­ria. L'opera poetica dell'Anile rifiuta la clas­si­fi­ca­zio­ne in una delle correnti letterarie del primo Novecento, per la sua fisionomia indubbiamente indipendente; è possibile, forse, rintracciare in essa qualche re­mi­ni­scen­za pascoliana e, in particolar modo, del Pa­sco­li di Myricae."

TERRA VERGINE

Gabriele D'Annunzio

TERRA VERGINE

ISBN 978-1291585261
Brossura, 108 pag.

Gabriele D'Annunzio pub­bli­cò la raccolta di rac­con­ti "Terra vergine" nel 1882. A questa prima raccolta se­gui­ro­no nel 1884 "Il Libro delle vergini" e nel 1886 "San Pantaleone"; le tre rac­col­te furono riunite poi nel vo­lu­me "Le novelle della Pe­sca­ra". In "Terra vergine", D'An­nun­zio descrive situazioni e vicende dei primitivi d'Abruzzo, prendendo come modelli i primitivi in "Vita dei campi" di Verga, ma insistendo sui colori paesaggistici e non trascurando l'uso più volte della citazione dialettale. Come già fu per l'ispirazione carducciana di "Primo vere", la sua prima raccolta di novelle si ispirò al modello di maggior fama di quegli anni, quello verista del Verga, appunto, ma al­l'i­mi­ta­zio­ne aggiunse la sua invenzione personale. A sottolineare la distanza che separa l'operazione dannunziana da quella verghiana è nel libro il fascino sensuale per una Natura ancestrale ed ignota e lo stile letterariamente sostenuto.

ANTONIO OSSIA L'ORFANO DI FIRENZE

Christoph von Schmid

ANTONIO
ossia
L'Orfano di Firenze

ISBN 978-1291109283
Brossura, 84 pag.

La riedizione della novella del canonico Christoph von Schmid è parte dell'attività culturale del Circolo An­dre­a­ni, operante nella Bassa lodigiana, volta al re­cu­pe­ro di vecchie pubblicazioni che sono state patrimonio della cultura locale nei secoli scorsi. Il testo è tratto da una più ampia raccolta di racconti dello Schmid, libro che è stato recuperato insieme ad altri tra ciò che resta della biblioteca delle sorelle Caterina e Maria Zanoni, che tra­scor­se­ro gli ultimi trent'anni della loro vita a Brem­bio. L'intento è quello di testimoniare come l'orizzonte culturale nelle campagne della Bassa, nell'Ottocento e nella prima metà del Novecento fosse molto più ampio e pieno di interessi e sfaccettature, di quanto comunemente si sia portati a credere, sviati da una sorta di vulgata che tende a sminuire la portata di quella civiltà agricola, protrattasi fino alla prima parte del secolo scorso, che ha fatto ricco il territorio lodigiano.

LA PICCOLA PRINCIPESSA ILSEA

P. J. Stahl

LA PICCOLA PRINCIPESSA ILSEA

ISBN 978-1291098037
Brossura, 90 pag.

"L’istoria di questa leggenda è essa stessa una specie di leggenda, scriveva P. J. Stahl nell’Avvertenza che precede il racconto. L'autore di questo gentile poema è una giovinetta; se l’aveste letto non ci sarebbe bisogno di dirlo, perché è solo un'anima verginale che può creare una cosa così candida e pura. Ma il nome che portava sulla terra la cara anima che creò questo racconto, l'ho chiesto invano alla Germania, sua patria".
P. J. Stahl è lo pseudonimo con cui l'editore Pierre- Jules Hetzel, editore di Balzac, Hugo, Zola, era co­no­sciu­to come scrittore.



Il sito non utilizza cookie, però add-on di terze parti presenti su alcune pagine potrebbero farne uso.
Se prosegui la navigazione del sito acconsenti l'uso di eventuali cookie di terze parti.

Pagine visitate: 3056334

© Sergio Fumich 1987-2018