Sergio Fumich è nato a Trieste nel 1947. Ha svolto attività pubblicistica dal 1978 al 1995 come collaboratore del quotidiano di Lodi Il Cittadino. È stato direttore responsabile di alcuni fogli locali e della rivista di poesia Keraunia. Ha pubblicato libri di poesia e di racconti, libri di fotografia e grafica, libri ed opuscoli divulgativi.

Identificativo SBN: IT\ICCU\CFIV\106311
ISNI: 0000 0000 3584 7165



ARTICOLI INTERVENTI

:: SUL PEZZO
:: El Nost Mangià
:: Cronache Naturali
:: Altri Articoli su Il Cittadino
:: Lettere a Il Cittadino
:: Articoli su Fatti e Parole
:: Articoli su Youreporter
   Trieste
   Brembio
   Altro
:: Articoli su BrembiOggi
:: Note su Facebook
:: Aforismi
:: Dieci anni in politica locale

GIORNALE DI BORDO DI UN COMUNE LODIGIANO ALLA DERIVA

L'idea di BrembiOggi, blog ospitato sul server di Altervista.org, era quella di dare una precisa e puntuale informazione ai cittadini di Brembio su quanto avveniva nel comune lodigiano particolarmente ad opera dell'amministrazione municipale. Non solo, dunque, articoli sull'attualità delle diverse problematiche che interessavano la qualità di vita della popolazione, ma anche la pubblicazione di documenti amministrativi e la spiegazione dei loro contenuti e del loro significato riguardo la quotidianità della gente. Il primo articolo, Forse alle calende greche, fu pubblicato il 2 giugno 2018. Il blog inoltre intendeva fornire anche un piccolo notiziario, la situazione meteorologica settimanale del territorio e raccogliere video e gallerie di immagini riguardanti Brembio, presenti in siti online.

INDICE DEGLI ARTICOLI

:: Ripubblicato quel Diabolik di Don Camillo - 13 agosto 2018.
:: Creare uno sgambatoio richiesta risibile? - 10 agosto 2018.
:: I misteri di Palazzo Andreani - 9 agosto 2018.
:: Lo steccato della Vistarina. I costi - 8 agosto 2018.
:: Trattori e devozione religiosa - 30 luglio 2018.
:: Segnaletica per la ciclopedonale di Via Roma - 28 luglio 2018.
:: Il Guerini della Festa smentito dai senatori del PD - 27 luglio 2018.
:: Zibaldone di frasi memorabili della Festa - 25 luglio 2018.
:: Sogir in liquidazione e intanto noi paghiamo - 22 luglio 2018.
:: L'iter senza fine della strada agricola - 21 luglio 2018.
:: Il Comune investe in telecamere - 21 luglio 2018.
:: Dedicata a Giancarlo Sozzi la Festa dell'Unità - 19 luglio 2018.
:: Razzia di rame al cimitero. Un aggiornamento - 17 luglio 2018.
:: Ladri di rame devastano nella notte il cimitero - 16 luglio 2018.
:: La fusione con Casale era davvero il male? - 15 luglio 2018.
:: Se l'erba che non voglio non cresce in Comune - 9 luglio 2018.
:: Bergomi l'Angelo di Brembio - 27 giugno 2018.
:: Ventiquattromila euro buttati alle ortiche - 23 giugno 2018.
:: I migranti salvano il bilancio di Brembio - 21 giugno 2018.
:: Non scherziamo con le ludopatie - 20 giugno 2018.
:: Tempo di nuovi look e speccietti per le allodole - 20 giugno 2018.
:: Forse alle calende greche - 20 giugno 2018.

INDICE DEI DOCUMENTI

SEZIONI DEL SITO

:: HOMEPAGE
:: Edizioni curate
:: Fotografia
   Gallerie
:: Poesia
   Testi online
:: Ritagli e Lettere
:: Rivista Keraunia
::
Traduzioni
:: Saggi
:: Scacchi
:: Sul pezzo
:: Video Clip
:: Visual Art
   Gallerie
   Libri
   Video
:: Preferenze
   Filmati



GIORNALE DI BORDO DI UN COMUNE LODIGIANO ALLA DERIVA


CREARE UNO SGAMBATOIO RICHIESTA RISIBILE?

Scriveva Sergio Fumich su Youreporter.it il 21 giugno 2015: "Nell'ambito della Prima Esposizione Canina Brembiese, che si è svolta questa mattina, 21 giugno, in Piazza Europa, un gruppo di cittadini ha avviato una raccolta di firme per sollecitare l'amministrazione comunale a installare lungo le vie cittadine dei cestini portarifiuti per incentivare i padroni degli animali a mantenere i marciapiedi puliti e la realizzazione di uno spazio dedicato ai cani, uno "sgambatoio". Questo il testo della petizione: "Siamo un gruppo di cit­tadini amici dei cani. L'impegno che ci sentiamo di chiedere all'am­mi­nistrazione comunale, è la dispo­ni­bi­lità di installare dei cestini por­ta­rifiuti lungo le vie del paese, per incentivare i cittadini a raccogliere gli escrementi dei propri animali. Chiediamo anche, la possibilità di avere uno spazio dedicato agli amici a 4 zampe, detto 'sgambatoio'. A tutte le persone che godono della compagnia di un amico peloso, la responsabilità di mantenere le strade e i marciapiedi puliti...".
In un altro articolo, pubblicato il 25 giugno 2015, Fumich scriveva: "Capita di frequente per le vie di Brembio di leggere cartelli come quello in fotografia, che lamentano il poco rispetto dell'altrui proprietà ed invitano a maggior senso civico i proprietari dei cani. La precedente amministrazione era intervenuta sul problema con un'ordinanza del sindaco, che però non aveva prodotto grandi risultati. Nell'ambito della prima esposizione canina, che si è svolta domenica scorsa 21 giugno, sono stati gli stessi padroni dei cani a riproporre la necessità di una soluzione del problema, avviando una raccolta di firme che sollecitava il Comune ad un intervento fattivo che incentivasse gli accompagnatori dei cani a raccogliere gli escrementi: posizionare cioè nelle diverse vie del paese dei cestini portarifiuti, attualmente in numero ritenuto insufficiente, ma soprattutto destinare agli amici a 4 zampe un apposito spazio, uno 'sgambatoio'. I proprietari riconoscono, insomma, che è soprattutto loro responsabilità il mantenere le strade ed i marciapiedi puliti, ma ritengono che una attenzione al problema da parte dell'amministrazione comunale aiuterebbe. A Brembio non manca verde pubblico che potrebbe essere attrezzato, cintandolo, ad area dove far correre i quattro zampe senza guinzaglio, dove possano giocare liberi e 'socializzare' tra di loro. Molti comuni si stanno muovendo in tal senso e non è raro il caso che sia stato lo stesso consiglio comunale a votare una mozione che impegna il sindaco alla realizzazione".
La richiesta è caduta nel vuoto, come ben si sa, anche se cittadini brembiesi applaudirebbero oggi all'iniziativa e ad un minimo di sensibilità verso un problema che interessa non solo i padroni dei cani. Lo dimostra un post nel gruppo Facebook "Sei di Brembio se...", in cui si fa anche una proposta precisa.
Scrive Beatrice Locatelli il 2 agosto scorso: "Buongiorno! Stavo pensando... ma se il parchetto in via XX Settembre in disuso da anni lo adibissero ad un'area cani? Sarebbe fantastico... bello spazioso... invece di lasciarlo lì a marcire e vederci costretti ad uscire dal paese per portare i nostri pelosi a giocare... Non ci vorrebbero nemmeno tanti soldi: basta chiudere la recinzione e rimettere la fontanella...". Il post in breve raccoglie 41 like, una condivisione e sollecita ben 111 commenti.
Il primo commento è di Pierangela Frigoli: "Bello". Sara Cabrini è scettica: "Seeee ciao, aspetta e spera" (faccina divertita). Beatrice Locatelli le risponde: "Lo so cara... ma tanto la gente porta lì comunque i cani a sporcare... li becco sempre... tanto vale sfruttare lo spazio" (faccina pensosa). E ancora: "Facciamo una petizione... raccogliamo le firme e facciamo richiesta...". Sara Cabrini ribatte: "Non te la approveranno mai, guarda solo l'erba dietro casa mia ed i cestini". Patrizia Raise rincara: "Sara Cabrini e il dislivello dei tombini in via Monte Grappa? Con tanto di foto in comune...". Beatrice Locatelli (faccina triste).
Interviene Elena Tortini rilanciando la proposta: "Perché non provarci?". E aggiunge: "Lamentarsi e non fare nulla non serve, Beatrice Locatelli io ti appoggio!". Lorella Ferrari afferma: "Se siamo forti potremmo cominciare a migliorare il paese, sistemando tutte le cose che vanno sistemate seriamente, poi i tagli dell'erba che ovviamente oltre ad essere indecorosi potano pure molte bestie, in tutti i paesi passano per la disinfestazione di zanzare e parassiti vari, lo potrebbero fare anche a Brembio... poi non tutte le vie hanno la luce, i cestini, soprattutto i cestini per escrementi di animali, ma non 2 perché servirebbero a poco... ma 1 per via... poi ci si puo ragionare per le migliorie... Area cani. Area anziani con panchine. Ovviamente luoghi all'ombra dove nei periodi estivi si possono trovare chiacchierare e magari giocare a carte... Sistemare il parcogiochi... e cercare che i collaboratori comunali provvedano a curare, pulire, e punire con sanzioni chi non rispetta le regole... Sia per i bianchi sia per i neri, gialli, verdi. Pensate che tutto questo sia possibile se così fosse allora io ci sto!!!!!". Margherita Valsecchi: "Sono d'accordo e avrete il mio appoggio". Roberta Ferrari: Bea fai prima ad andare in comune a sentire... (faccine varie) Speriamo!!!" (altre faccine). Irene Rossetti esprime la sua perplessità: "Se ciao Bea sarebbe bello ma non lo faranno mai".
Sara De Matteis si mostra entusiasta della proposta: "Io ci sto facciamo una petizione. Anche perché i costi di un'area cani sono esigui. Solo taglio erba e una recinzione". Beatrice Locatelli le risponde: "Ok come ci si potrebbe organizzare?". Sara De Matteis: "Facciamo una petizione e la portiamo in comune magari già con una bozza di progetto". E Beatrice Locatelli: "Sara De Matteis sì ma io non so nemmeno da che parte si inizia" (faccina divertita). Sara De Matteis spiega: "Molto semplicemente scrivere due righe e farla firmare".
Manuela Guratti propone una alternativa sull'uso dell'area: "O per lo meno rimetterlo a posto per i bimbi No?... visto che ormai sono rimasti quelli di via Ugo Foscolo e campo sportivo" (faccina pensosa). Sara De Matteis ribatte: "Sì Manu... ma credo che costi molto di più... in fin dei conti chi ha cani li porta solo in campagna oppure alle scuole e penso che sia meglio un'area apposita! Quella zona sarebbe perfetta visto che è in disuso". Laura Brignani precisa: "Sara De Matteis oltretutto alle scuole c'è il divieto di portare i cani a fare i bisogni". Manuela Guratti commenta: "Laura Brignani se lo sa la Brambilla vedi (faccine divertite), ormai con i cani entrano ovunque bar, supermercati... Non li ho mai visti in chiesa non mi stupirei". Beatrice Locatelli prova a concretizzare: "Io di progetti non me ne intendo... ma si potrebbe preparare un foglio con la proposta e trovarci, non so, in piazza con tavolino e biro e chi passa può firmare... volantinaggio qualche giorno prima per informare e vediamo che succede...".
Arriva una prima contestazione, Alex El Corso Corsini: "Non potete fare un gruppo per cani grazie". Beatrice Locatelli replica: "Era una discussione su qualcosa inerente a questo gruppo..." (faccina divertita). Alex El Corso Corsini ribatte: "Ma vuoi anche una risposta su un'area di sgambamento cani in un paesino con campi dappertutto poveri cani". Beatrice Locatelli prova a spiegargli: "Era un'idea carina... io sono la prima che va in giro per campi con il mio cane... ci mancherebbe... ma anche gli altri paesi stanno in campagna e comunque l'area l'hanno fatta... vedi Borghetto... Era per sfruttare uno spazio che sta marcendo... tutto qui". Alex El Corso Corsini la butta sulla recriminazione: "Allora sarebbe meglio chiedere al comune se si può sistemare il parchetto visto che curano solo l'altro perché ci sono cittadini di serie A e di serie B ma le tasse le fanno pagare a tutti". Sara De Matteis puntualizza: "La discussione è inerente al paese. Quindi la si deve fare qui. Poi l'area cani non serve solo per far fare i bisogni ai cani ma per farli socializzare cosa importantissima per loro e per farli correre in sicurezza sia per loro che per le persone. Succede purtroppo di investire cani liberi in campagna che saltano in mezzo alla strada (a me purtroppo è successo). E anche se in campagna i cani non possono essere lasciati senza guinzaglio". Alex El Corso Corsini non sa replicare e chiude: "Non ti conosco e non socializzo con te ciao grazie". Sara De Matteis risponde con una serie di faccine. Patrizia Raise ritiene valida l'osservazione: "Bravo perché anche lì ci sono abitazioni e bambini...". Ma Lorella Ferrari stigmatizza: "Mi dispiace sentire queste brutte affermazioni ma purtroppo la gente di Brembio non si smentisce mai spesso non socializza con chi non è di Brembio e non solo spesso usa frasi ridicole e maleducate... Ma se siete sempre ostili come scommetto lo sarà il comune... cari miei Brembio è destinato ad essere un paese incurato di tutto, detto questo riflettete... ciao e buona giornata a tutti".
Il commento di Lorella Ferrari scatena un battibecco con Patrizia Raise che osserva: "Lorella Ferrari anche tu cadi nel fare di tutta un'erba un fascio... solo Brembio lo ritieni incurato di tutto?... fatti un giro per altri paesi e incontrerai le stesse difficolt`, menefreghismo che incontri nella "gente di Brembio"... il discorso di Alessandro è molto ristretto ma ho imparato a non giudicare e a rispettare ogni corrente di pensiero anche se non sono d'accordo... Brembio è cambiato in mentalità, ci abito da 48 anni e ho vissuto questo cambiamento...". Lorella Ferrari: "Patrizia Raise io il giro in altri paesi lo faccio spesso perché le mie amicizie per fortuna sono nei paesi limitrofi ma certa maleducazione e inciviltà non la trovo... concordo che questo è un paese curato di feste alcool e altro quello si è permesso ma per quanto riguardano le migliorie non ci siamo veramente mi dispiace perché io ho la speranza in un paese nuovo non tapezzato ma per ora ci si deve accontentare" (pollice su). Patrizia Raise: "Lorella Ferrari gira meglio... ogni mondo è paese... le feste, alcool e altro ci sono ovunque... ti posso fare mille esempi di inciviltà e non cura dell'ambiente... senza andare troppo lontano il percorso di Livraga il miglior esempio d'incuria, lo fatto tempo fa... erba alta fino a coprire le panchine, ortiche che invadono il percorso stesso... gli idioti ci sono ovunque... Brembio al giovane non offre nulla... ma non è tutto sbagliato il mio paese". Lorella Ferrari: "Patrizia Raise sono punti di vista ma staremo a vedere... ciao Patty". Patrizia Raise: Lorella Ferrari sicuramente ma ho imparato ad essere obiettiva e prima di sparare a 0 conto... è il mio paese con tutti i suoi pro e contro e sono la prima a criticarlo... sì è chiuso molto di mentalità e il giovane se ne va... il futuro di un paese è nel giovane che cresce e i giovani invece che incuriosirli li fanno scappare... esperienza personale..." (faccine che strizzano l'occhio).
È Sari Sara a riportare la discussione sul tema originale: "Bea è un'idea molto bella anche perché oramai tutti i paesi hanno un'area cani, ma ci sono i pro e i contro perché è un parchetto attaccato alle case quindi i cani abbaiano giocano tra di loro e farebbero confusione, li scatterebbe la discussione con i residenti, poi ti parlo per esperienza dei miei a Lodivecchio c'è gente che si ritrova per ciciarare e non per i cani quindi non vedendo dove fanno i bisogni i propri cani non la raccoglievano e discussione anche per quello e per ultimo discorso pulci ecc. era un campo minato se solo ne aveva uno i miei non andavano più per tutte queste ragioni, ma se le persone sarebbero educate trovo sia una bellissima idea. Brembio se avete notato ha molte coppie che hanno sfornato pargoletti quindi anche sistemare i parchetti non è una brutta idea come diceva la Manu ovvio che ci vogliono i cash, dai ragazzi sono fiduciosa Brembio migliorerà". Le risponde Sara De Matteis: "Ma sì l'ideale sarebbe tutte e due... il problema di questo paese sono sempre più convinta che siano le persone. Ogni idea viene bocciata a meno che non si parli di alcool, serate e divertimenti. Alle scuole purtroppo c'è lo schifo e a nessuno frega niente. I parchi non ci sono. E si viene smontati, i cani lasciamo perdere. Ma scusate cosa vi interessa? Avete un qualche interesse???? Sari non ce l'ho con te ovviamente!". Sari Sara: "No no lo so Sara De Matteis la pensiamo più o meno tutti uguale, sai che interesse hanno??? Rompere i maroni solo per dove passano i trattori quella è una discussione che fa 200 commenti quello interessa, migliorare con delle piccole modifiche il paese penso costi troppo sbatti e ripeto credo anche soldi perché ho letto belle proposte anche nelle votazioni che ci sono state. Boh vediamo le case vengono costruite la gente a Brembio ci viene ad abitare quindi speriamo migliori sempre di più e si esca dall'ottusità che il paese è sempre stato così e va bene così. Un bacione a quella scatenata della tua bimba".
La parola magica "trattori" devia la discussione. Patrizia Raise: "Sara De Matteis non è vero che a nessuno frega niente... il problema scuola è stato ampiamente discusso e documentato... sarebbe meglio restringere il tiro... non giustifico il comune sia mai... ma forse quel nessuno va ristretto all'amministrazione e alla burocrazia". E aggiunge: "Sari Sara i trattori non erano un problema lo sono diventati sempre più grandi e strade sempre le stesse abito a Brembio da 48 anni e l'ho visto crescere, il paese non è sempre stato così e deve restare così ma certamente non possiamo allargare le strade per dei trattori sempre più grandi... d'accordo migliorare il paese ma non basta uno schiocco di dita e con questo non giustifico il comune, è palese che ci vuole più cura... ti posso fare mille esempi ed ho sempre rotto le balle per cose che ritenevo importanti come un defibrillatore h 24, decoro del paese ecc ecc... quella che tu chiami ottusità non è altro che un paese che si è seduto, che piano piano sta morendo e invecchiando dove non c'è il riciclo e la continuità del giovane per portare avanti dei progetti... ma non per colpa del giovane!!!". Lorella Ferrari: "Sari Sara è proprio questo il problema l'ostilità della gente e la mancanza del comune".
Laura Brignani ribatte su uno dei più grossi problemi della vita politica e sociale del paese: "Patrizia Raise però, se un giovane porta idee per rinnovare un po' 'sto paese, non gli si può sempre sbattere la porta in faccia... sembra perfino che non si voglia fare niente per migliorare Brembio". Sari Sara Sì sì Patrizia Raise il discorso trattori sappiamo che è quello credo di essermi spiegata male nel senso che un po' tutto il paese parlava di questo problema perfino i giornali (faccine divertite) non che debbano parlare del parchetto perché a chi non ha figli non credo importi molto idem per i cani, poi immagino che la burocrazia per qualche progetto sia così lenta da far diventar maggiorenne perfino mio figlio (faccine sorridenti) vediamo io sono una di quelle che fa solo piacere se fanno qualcosa di nuovo vedremo dai" (faccina sospirosa). Patrizia Raise: "Laura Brignani hai perfettamente ragione... ora spetta ai giovani portare avanti un discorso di futuro per brembio... un futuro che non vedo ti posso portare tanti esempi... la vecchia guardia non ha passato il testimone... e dopo tante porte in faccia ci si stanca". E aggiunge: "Sari Sara se dai retta alla burocrazia tuo figlio fa in tempo a fare domanda per la pensione... io è questo che non concepisco... perch&ea cute; non hai figli non importa un parchetto da migliorare... le mie ormai sono grandi ma il mio voto per l'iniziativa di acquistare materiale per migliorare il parco già esistente l'ho dato... il problema della gente purtroppo è: 'a me non interessa quindi non mi riguarda'... forse è per questo che le cose non vanno molto bene... lo dicevo a Laura Brignani a furia di sbattere le porte in faccia ci si stanca di bussare". Quando ormai sembrava che la discussione si stesse esaurendo, ecco arrivare nuova linfa.
Maria Grossi: "Scusate se mi intrometto nei vostri discorsi ... io sono favorevole che ci sia un posto adibito ai bisogni dei cani o per lo sgambettamento degli stessi... Però non sono per niente d'accordo con quello che dice Lorella Ferrari che dà alla gente di BREMBIO degli ubriaconi che sanno fare solo feste piene di alcool però ti ricordo che le feste si fanno anche per fare beneficenza nel caso non lo sapessi le Associazioni fanno la festa per devolvere i soldi guadagnati in beneficenza vedi la festa dell'amatriciana abbiamo donato ad Amatrice ben 2500,00 € abbiamo donato 2 lavagne lim alle scuole di Brembio abbiamo contribuito al rifacimento del giardino della scuola materna ecc ecc... tu con le tue critiche cosa hai fatto niente... prima di criticare informati meglio...". Lorella Ferrari replica: " Sari Sara premetto che non intendevo dire feste di associazioni ma feste nei bar vedi Bar Cristina quando ubriachi e altro ballano in mezzo alla strada... con musica che al vicinato non fa piacer... alla gente ovviamente non tutta ma vedo molta maleducazione e mancato tatto se capisci... in quanto a te attenta non permetterti di giudicarmi faccio volontariato sugli anziani da 15 anni a BREMBIO tu che cazzo fai invece". Sari Sara chiosa: "Lorella Ferrari credevo che si stesse incazzando con me al momento" (faccine divertite). Maria Grossi: "Veramente non sono Sari Sara ma chi scrive è Maria Grossi e tu non permetterti di fare allusioni sulla gente di Brembio io sono 15 anni che faccio volontariato per fare divertire i bambini e se capita aiuto anziani e i malati". Lorella Ferrari: "Maria Grossi allora non ti permettere più". Maria Grossi: "Cosa??????". E aggiunge: "Non mi devo permettere di difendere i miei compaesani". Lorella Ferrari: "Qui si è andati fuori tono solo perché si è detto che il paese è incurato assolutissimamente e qualcuno è stato maleducato quello che fanno in gruppi il volontariato non mi interessa tantomeno associazioni spesso inutili. Io sono volontaria da sola e con la coscienza sto a posto". Qualcuno a questo punto riprova a riprendere il filo della discussione.
Sara De Matteis: "Patrizia Raise non credo solo all'amministrazione, ma anche ai genitori. Perché sappiamo chi sta lì e sporca ad esempio...". E aggiunge: "Laura Brignani ecco appunto. Guardate questa discussione... viene smontata". Patrizia Raise: "Sara De Matteis se ti riferisci alle scuole d'accordissimo". Ma è una breve parentesi.
Lorella Ferrari: "Sicuramente ma a brembio sono civilizzati in questo modo". Maria Grossi: "Invece Lorella dovresti partecipare al volontariato del paese". Lorella Ferrari ribatte: "Assolutamente no io mi do molto da fare da sola meglio soli che malaccompagnati". E continua: "Mi avete dimostrato un tale sgarbo e indifferenza quando ho avuto seriamente problemi col vicinato che io non mi fido più di tutti quelli che ci sono in comune purtroppo me lo avete dimostrato voi adesso si litiga anzi si espone un idea di creare un area cani ovviamente non per i bisogni... e si è già creato un disastro mi dispiace ma prima o poi questa mentalità chiusa spero cambierà... non sono i bar a far bello un paese. Ma ben altro auguri". Maria Grossi: Sara non è vero che viene smontata la discussione... Quando leggi certi post ti girano ci facciamo un mazzo per diversi mesi e poi ti leggi che si pensa solo a fare feste con tanto alcool. Lorella ha aggiustato il tiro dicendo che le Associazioni non rientrano a feste di quel tipo però nel post aveva generalizzato". E poi: "Ascolta Lorella io dei problemi che hai avuto con il vicinato non ne so nulla e certamente fb [Facebook] non è il posto dove parlarne e soprattutto stai parlando con la persona sbagliata". La replica non si fa attendere, Lorella Ferrari: "Giusto infatti i fatti miei non ti riguardano anche perché non hai una mansione ben definita in comune... in quanto a farvi il mazzo... ma di che di carte???? Ascolta non prendiamoci in giro finiamola qua perché ti stai rendendo ridicola e ricordati, che chi posta i problemi del paese sono i cittadini che pagano le tasse ok!!!!". Maria Grossi: "Sai Lorella anch'io pago le tasse come te e sono una cittadina di Brembio e riguardo alle mie mansioni vieni in comune vedi cosa faccio se hai qualcosa da dire sulle mie mansioni chiedi un incontro con la responsabile della mia area e te le illustra". Lorella Ferrari: "Maria Grossi bene sono contenta". Laura Brignani digita: "Sara De Matteis purtroppo non riesco a leggere tutti i commenti... mi mancano tutti i commenti di Lorella..." (faccina triste). Lorella Ferrari rispondendo, riferendosi ad un suo post precedente: "Sari Sara assolutamente no non mi permetterei è stato un errore nel digitare" (faccine divertite). Sari Sara: "Beatrice Locatelli Bea guarda un post dei cani cosa può suscitare (faccine divertite) ovviamente non prendo in giro nessuno era per sdrammatizzare un po'". Lorella Ferrari: "Sari Sara tesoro mio conviene .....non ho parole".
Anche Lorella Ferrari si fa propositiva: "Beatrice Locatelli provate a fare 4 righe scritte di come potrebbe essere, raccogliete le firme... io ci sono poi lo protocollate e lo consegnate in comune...". Beatrice Locatelli: "Sari Sara mamma mia veramente... ragazzi state sereni era un pensiero così..." (faccine divertite). Beatrice Locatelli: "Lorella Ferrari mi denunciano (faccine divertite) scherzo Eh!". Maria Grossi: "Beatrice non ti denuncia nessuno la tua è una bellissima idea... Falle le due righe poi portale all'ufficio protocollo dove troverai me". Beatrice Locatelli: "Maria Grossi oook... appena ho tempo ci proviamo... grazie".
Il tema sembra esaurito, ma rimangono gli strascichi dei toni della discussione. Maria Grossi: "Per rimanere in tema di feste a settembre esattamente il 07 ci sarà la festa delle associazioni partecipano (anche quelle inutili che fanno divertire bambini e genitori) e il ricavato verrà utilizzato in collaborazione con l'Avis per sistemare il parco giochi di via C. A. Dalla Chiesa". Lorella Ferrari: "Maria Grossi ognuno la pensa come le pare io continuo ad assistere gli anziani che non possono cambiarsi da soli per non vederli piangere e spero tu abbia finiti di rompermi i coglioni che finisca qui". E aggiunge: "Beatrice Locatelli praticamente ti ha ripetuto le stesse cose ma ti consiglio che dette da lei so' meglio 'sai...". Beatrice Locatelli: Lorella Ferrari lasciatemi fuori da queste cose..." (faccina di angelo sorridente). Maria Grossi: "Mi spiace di averti rotto i coglioni Lorella non era nelle intenzioni mi spiace solo di una cosa che tu hai così poca considerazione di noi BREMBIESI". Lorella Ferrari: "Maria Grossi pochissima buona serata e ora andrei con degli amici di fuori a cena visto che vorrei festeggiare il mio compleanno". Patrizia Raise: "Lorella Ferrari buon compleanno da una brembiese". Lorella Ferrari: "Patrizia Raise come battuta è buona ma come dici tu dove è mondo è paese comunque il volontariato lo faccio per le persone di Brembio che sono lasciate sole quindi non facciamola troppo lunga e a voi quando fa comodo dite di non fare di tutte l'erba un fascio invece quando vi fa comodo avete messo dentro tutti i brembiesi nel calderone (pollice su) grazie degli auguri da una persona che diffida da chi le ha fatto del male ma che per chi mi conosce mi adora. Buona SERATA". Maria Grossi: "Lorella Ferrari anch'io da Brembiese ti auguro buon compleanno e moltissimissima buona serata però impara il vero significato della parola volontariato... a buon intenditor...". Lorella Ferrari: "Maria Grossi stai attenta a darmi della bugiarda. E ti consiglio di dargli un taglio perché mi sono stancata" e aggiunge "Questo vale anche per chi ha messo il ditino". Maria Grossi: "Lorella Ferrari ma non ti ho dato della bugiarda". Lorella Ferrari: "Maria Grossi adesso ti blocco perché mi sono rotta il cazzo stai solo dando spettacolo". Maria Grossi: "Lorella Ferrari per niente non sto dando spettacolo. Sai ho il tuo stesso diritto di scrivere su Se sei di Brembio visto che sono anch'io una Brembiese".
Tocca al commento lapidario di Sara Cabrini chiudere la discussione anche se si sviluppa ancora una coda "patriottica": "Niente dopo questo post ho deciso che non prenderò un secondo cane ma un coniglio" (faccina divertita). Commento che trova pronta Patrizia Raise: "Ottima idea si risparmia sul taglio erba..." (faccine divertite). Lorella Ferrari permane pessimista: "Io invece a questo punto trovo che questo paese non migliorerà mai e non solo purtroppo ci sono alcune persone che non vogliono vedere la realtà ragion per cui scusate ma io mi ritiro se andate a vedere i vecchi commenti vedrete che non cambierà mai nulla sono tali e quali ad oggi questo cosa fa capire????". Maria Grossi per conto suo prova una giustificazione: "Mi voglio scusare con Beatrice per aver fatto passare la sua proposta in seconda categoria con la conversazione accesa sulle feste all'alcol però quando si leggono certi post ti fanno girare i c....... Il nostro paese è tale quale a tutti i paesi e certamente non è il peggiore della Lombardia e se devo essere sincera mi piace con i suoi pregi e suoi difetti". Beatrice Locatelli: "Figurati..." (faccina divertita). Patrizia Raise Anche a me piace... ma non ci voglio morire... l'avrò sempre nel cuore ma spero in un futuro lontano da qui...". Pierangela Frigoli: "Anche a me. Forse perché ci sono nata e qui vorrei morire coi suoi pregi e difetti". Donatella Bignamini: "Ben detto Pierangela se Brembio per alcuni è il peggior paese del lodigiano nessuno vi obbliga a restare. Arrivederci e buon trasloco verso paesi migliori".
Ancora Sara De Matteis è propositiva: "Ma nessuno dice cose strane... io dico solo che spesso assisto a discussioni che finiscono così. Qualcuno ha delle belle idee e alla fine vengono sempre smontate... io ci vorrei rimanere ma penso che debba migliorare tanto in servizi e attività soprattutto per le famiglie!". Maria Grossi: "Sara De Matteis cosa vorresti per le famiglie". Patrizia Raise: "C'è un oratorio dove la domenica era dico era frequentato da genitori con i figli... ci sono giovani che prendono iniziative e persone che col volontariato fanno turni per permettere di tenere aperto un bar... ma anche una realtà come l'oratorio si sta desertificando...". Sara De Matteis: "Attività all'aria aperta dove far giocare i bambini in serenità ad esempio, feste dedicate anche a loro e non solo feste dove ci sia musica (che per carità bella a volte) ma che loro non apprezzano e nel frattempo non sanno cosa fare. Altro punto potrebbe essere migliorare i marciapiedi di Brembio... avete mai usato un passeggino???? Questo potrebbe essere un punto di inizio... cestini dove buttare le carte che i bambini producono... intere vie senza. Cose semplici. L'oratorio purtroppo non è un luogo che frequentiamo quindi non posso esprimere un giudizio in merito. Io ho una bimba piccola di quasi 2 anni e dopo che la vado a prendere dall'asilo (non a Brembio tra l'altro perché costa una follia) non so cosa farle fare". Patrizia Raise: "La tua è un po' piccola ma una volta che entra nell'età scolare l'oratorio potrebbe essere un inizio... sinceramente io a quell'età non mi sono mai posta il problema di cosa fargli fare... si andava al parco giochi al tempo in via Roma e poi in casa con i suoi giochi... i marciapiedi non sono mai stati messi bene... comunque hai ragione potrebbe essere un inizio... ma credimi che a volte la burocrazia ci mette del suo". Maria Grossi: "Se ho ben capito dove abiti è la stessa via dove abito io il cestino dei rifiuti è poco distante dalla tua abitazione nel parcheggio del bar, per i marciapiedi in alcune zone sono stati rifatti qualche anno fa. Invece per il nido sei mai venuta dalla mia collega Lorena a chiedere informazioni???? So che se fai l'Isee può rientrare nelle fasce ridotte, da qualche anno c'è la riduzione nidi gratis, hai mai provato a fare l'Isee????". Patrizia Raise: "Maria Grossi verissimo la dichiarazione Isee non ho mai smesso di farla e non serve solo per le agevolazioni scolastiche... è un aiuto anche se hanno messo parecchi parametri ma come dico sempre 'piuttosto è meglio di niente'...". Maria Grossi: "Patrizia Raise esatto... non vorrei sbagliarmi ma per la soluzione nidi gratis parte da reddito Isee di €13.000 a reddito Isee €24.000". Patrizia Raise: "Maria Grossi questo non lo so per i buoni dote scuola erano più bassi ma per fortuna o sfortuna è stato sempre un aiuto... anche per i buoni pasto sono diversi ma non ci metto la mano sul fuoco sono passati anni... ora lo faccio per agevolazioni sulle iscrizioni scolastiche". Valentina Alchieri corregge corretamente il limite Isee: "Maria Grossi sotto i 20000". Sara De Matteis: "L'isee lo faccio e non rientro in una retta accettabile. Il cestino so dove è davanti casa... ma non è lì che mi serve. E per i marciapiedi vi giuro che girare con un passeggino è davvero impossibile. Ecco avete giustificato tutto...". Patrizia Raise: "Sara De Matteis io ho avuto la sfortuna o fortuna di rientrarci... e sui marciapiedi sono d'accordo alcuni non sono messi bene ma siamo un paese piccolo e con strutture datate vedi strade quindi bisogna un po' accontentarsi... ma i servizi non mancano, per chi vuole e la possibilità dei figli dal nido alle medie, poi giustamente sono scelte personali... ci abito da 48 anni ed ho imparato a conviverci anche se certe cose mi fanno incavolare... buona giornata".
Così, dunque, finisce la discussione che abbiamo registrato dal gruppo di Facebook. Da un problema relativamente di facile soluzione, se vi fosse la volontà politica di risolverlo, quello di uno spazio dedicato ai cani, che a Brembio, come animali d'affezione, non sono pochi e l'Esposizione canina da cui è partito questo post ha dimostrato, si è arrivati a discutere un po' di tutte le problematiche che abbassano la qualità della vita e recano disagi soprattutto alle persone più deboli. Evidentemente non appaiono queste (qualità della vita e mitigazione dei disagi) le priorità per l'amministrazione (che è maggioranza ma anche minoranza consiliare). Meglio evidentemente investire soldi su aree private come la chiesetta del Monasterolo o della strada bianca (quanto utile sia resta ancora tutto da dimostrare) o nel continuare ad impegnare soldi come nel centro sportivo senza un reale beneficio per la popolazione. Cambierà qualcosa il prossimo anno, le elezioni comunali 2019 saranno il passo nuovo per questo paese? Si accettano scommesse (faccina divertita)!



Il sito non utilizza cookie, però add-on di terze parti presenti su alcune pagine potrebbero farne uso.
Se prosegui la navigazione del sito acconsenti l'uso di eventuali cookie di terze parti.

Pagine visitate: 3154594

© Sergio Fumich 1987-2019